JoomlaTemplates.me by WebHostArt
  • Sede - Plesso est
    Sede - Plesso est
  • Sede - Plesso ovest
    Sede - Plesso ovest
  • Sede - Cortile
    Sede - Cortile
  • Sede - Esterno
    Sede - Esterno
  • Sede - Ingresso
    Sede - Ingresso
  • Succursale - Cortile
    Succursale - Cortile

Crediti formativi

Per scaricare la dichiarazione da presentare al Coordinatore della classe clicca qui.

Il credito scolastico viene determinato dalla media dei voti conseguiti nello scrutinio finale. In base a tale media viene determinata la banda di oscillazione. All’interno della banda di oscillazione così determinata, il punteggio viene assegnato tenendo conto di:

  • Assiduità della frequenza scolastica;
  • Interesse e impegno nella partecipazione:
    1. al dialogo educativo;
    2. alle attività complementari e integrative organizzate dalla scuola.

Quanto ai crediti formativi:
Il credito formativo consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l’esame di Stato; la coerenza può essere individuata nell’omogeneità con i contenuti tematici del corso, nel loro approfondimento, nella loro concreta attuazione (DPR 323/98 art. 12 Regolamento). Le esperienze che danno luogo all’acquisizione di crediti formativi, di cui all’art. 12 del Regolamento, sono acquisite al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all’ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport (DM 452/98).

  • Devono essere anche quantitativamente consistenti (congruo numero di ore);
  • Devono essere debitamente documentati.

Dalla documentazione, in particolare, deve chiaramente apparire un attivo coinvolgimento dell’interessato nell’attività. Solo in questo modo, infatti, è lecito ritenere effettiva la crescita culturale del candidato. Dopo aver espresso una valutazione riguardo ai suddetti elementi (valutazione riportata sull’apposita scheda predisposta), il consiglio di classe delibererà il credito da attribuire all’alunno. Per gli alunni candidati all’esame, il totale del credito scolastico potrà essere integrato (fermo restando il limite massimo di 20 punti – fino all’anno scolastico 2007/08) in considerazione di particolare impegno e merito scolastico dimostrati nel recupero di situazioni di svantaggio presentatesi negli anni precedenti in relazione a situazioni familiari o personali che hanno determinato un minor rendimento. Di tutte le operazioni viene fatta esplicita verbalizzazione in sede di scrutinio.

Tabella A - Decreto Ministeriale n. 42 del 22 maggio 2007 (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323)
Modalità di attribuzione del credito scolastico e di recupero dei debiti formativi nei corsi di studio di istruzione secondaria superiore.

Credito scolastico (punti)
Media voti I anno II anno III anno
M=6 3-4 3-4 4-5
6<M≤7 4-5 4-5 5-6
7<M≤8 5-6 5-6 6-7
8<M≤9 6-7 6-7 7-8
M>9 7-8 7-8 8-9

NOTA: M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico.

Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari e integrative ed eventuali crediti formativi. All'alunno che è stato promosso alla penultima classe o all'ultima classe del corso di studi con un debito formativo, va attribuito il punteggio minimo previsto nella relativa banda di oscillazione della tabella. In caso di accertato superamento del debito formativo riscontrato, il Consiglio di Classe può integrare in sede di scrutinio finale dell'anno scolastico successivo il punteggio minimo assegnato, nei limiti previsti dalla banda di oscillazione cui appartiene tale punteggio. Limitatamente all'ultimo anno del corso di studi, anche al candidato che ha conseguito nello scrutinio finale una media M dei voti tale che 5M<6, è attribuito un credito scolastico compreso nella banda di oscillazione di punti 1 - 3. Al candidato che ha conseguito nel medesimo anno una media di M<5 non è attribuito per tale anno alcun credito scolastico. Per la terza classe degli istituti professionali M è rappresentato dal voto conseguito agli esami di qualifica, espresso in decimi (ad esempio al voto di esami di qualifica di 65/centesimi corrisponde M = 6,5).